Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Le stanze del labirinto’ Category

Benritrovati cari pochi lettori!

Ecco un Vademecum su come sopravvivere alla festa più famosa del mondo, ma non per questo necessariamente più amata del mondo!

  1. Innanzitutto aprovvigionatevi di una nuova confezione di Pillole Palla di Pelo e fate in modo di non trascurarne la quotidiana assunzione
  2. Dopodichè affrontate con massaggio facciale preventivo l’impavido sorriso che sfoggerete dal 24 dicembre al 6 gennaio più o meno (i meno elastici potranno tentare l’immane sforzo fino all’1 gennaio, sarà sufficiente)
  3. Mettete appunto uno specifico training mentale finalizzato alla risposta compulsiva di “Grazie anche a te/voi !!” ad ogni augurio ricevuto, da abbinare allo specifico sorriso citato al punto 2 (sì, vanno in coppia, il punto 2 da solo è poco utile, forse addirittura controproducente, e il punto 3 non è credibile senza l’aiuto del punto 2)
  4. Allenate la vostra mente alla divagazione non appena ve lo possiate permettere (ovvero momenti di solitudine, in questo la toilette aiuta moltissimo), in cui pensare a cose distanti dal periodo natalizio.. paesaggi di mare, relax, luoghi blasfemi, abitudini blasfeme e cose così.. a voi la scelta ovviamente.
  5. Non fatevi MAI beccare in pubblico mentre esercitate la divagazione citata al punto 4
  6. Non pensate MAI ad alta voce, ovvero CONTROLLO SIGNORI!!!! Tutto il lavoro fin qui attuato andrebbe perso per sempre.
  7. Affinate le vostre tecniche di seduzione natalizia: siate convincenti quando porgete omaggi e doni, fingete interesse per questo inviso periodo dell’anno
  8. Non lasciate mai trapelare l’Orrido Segreto: ovvero che  le feste natalizie non sono per voi momento di gioia, riunione e relax, ma ore e ore di treno, ore e ore di autostrada, ore e ore perse a lasciarsi (sarò gentile) infastidire e anche un po’ maltrattare (sono stata gentile vero?). Bene, per nascondere tutto ciò, oltre al ripasso e alla pratica intensa di tutti i punti fin qui elencati è necessaria tanta esperienza e tanti anni così trascorsi (io modestamente sono una Tutor ormai!)
  9. Non trascuratevi: un bell’aspetto curato aiuta a nascondere l’Orrido Segreto citato al punto 8
  10. Non siate presuntuosi: non pensiate di essere l’unici a conoscere i 10 passi del vademecum, siamo tanti là fuori, usciamo solo di sera e non ne parliamo con nessuno. La prima regola dei dieci passi è NON PARLARE DEI DIECI PASSI (lo so, lo so, ricorda “Fight Club”.. ma noi millantatori di gioia natalizia siamo arrivati prima!!)

Un ringraziamento speciale va a Tim Burton e alla sua opera di smitizzazione natalizia.

Grazie Tim, di cuore!

S.S.D. Inc. Production

Annunci

Read Full Post »

Quanto tempo impieghiamo a capire che ci sono angoli, spigoli dell’esistenza non smussabili?

E quanto tempo ci è necessario per accettarlo?

Forse è più il tempo trascorso a negare l’evidenza, con astuzia e sotterfugi incredibili, pur di non vedere, di non ascoltare. 

Di fasciarci il cuore insomma.

Per attutire i graffi di quegli spigoli di cui  tanto neghiamo l’esistenza.

Read Full Post »

Non sono ancora arrivata a trascinare anch’io una coperta palesemente in giro..

..ma di oggetti transizionali ne ho collezionati un bel po’.

Solo che li nascondo.

Ecco.

Sniff.

Read Full Post »

E’ già freddo accidenti, la mattina ti accoglie con quel brivido che ti fa ingollare il caffè bollente.

Bene, non sono mai stata una che mette da parte le provviste per l’inverno, ma stavolta comincio a fare la mia piccola scorta personale di abbracci ad occhi chiusi,

 perchè tanta acqua è passata sotto i miei ponti,

ma ho l’impressione che i diluvi stiano ancora per arrivare.

Ahh..ma come starei bene al mare..io, che sono una lucertolina perenne.

Eh, ma a sangue caldo!

😉

Pizzo, fine agosto 2010..ultimo giorno di mare.

Read Full Post »

Black

Read Full Post »

sospesa

Agguanta tutto di me,

più in fretta che puoi.

E questa volta vedi di affondare bene,

ché lasci sempre tutto a metà.

Mi lasci lì a penzolare, come un dente marcio che non si decide.

Ed io invece sono decisa stavolta.

O dentro o fuori.

Capiscimi ti prego.

Read Full Post »

Sommariamente ordunque raccolgo pezzettini in qua e in là.

Ricordo tempi migliori e peggiori.

Tutto sommato si stava meglio quando si stava meglio.

La confusione non mi si addice, ma ohimè, mi segue fitto fitto.

Perciò, tra un calzino e uno slalom di vita, guardo le mie scarpe.

Orrida espressione “appenderle ad un chiodo”.. mai e poi mai, penso, le appenderei al chiodo. Con quello che mi sono costate..tzè.

Ed ecco spuntare un foglio burocrate: mi ricorda che sono ancora iscritta all’università.

Bene. Evito di guardarlo.

Come tutto il resto, del resto.

Evito e basta.

sob.

Read Full Post »

Older Posts »